Comunicare in modo corretto

1) Cos’é la comunicazione e come si divide

2) Presupposti per una comunicazione centrata

3) Soggetti della comunicazione

4) Il candidato alle elezioni visto come prodotto

5) Ruolo dei social nella comunicazione del presente

6) Pericoli di una comunicazione confusa

Rischi di quando ci si ispira a soggetti di grande notorietà

8) Copiare una campagna. Gioie e dolori

9) Il ruolo del consulente alla comunicazione

1) Cos’é la Strategia di comunicazione e come si divide

LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

Appunti di tecnica della comunicazione pubblicitaria.

C’é una data ufficiale con la quale nasce una Strategia di Comunicazione moderna.  E’ del Marzo 1964 (Unilever Plan fo Good Advertising (UPGA), seguita successivamente dalle altre più importanti Agenzie mondiali di Comunicazione, a cui ognuno dava una terminologia, pur considerando che alla base si seguivano gli stessi passi da effettuare. Si assisteva, così alla nascita di un “format”, cioè un sistema per comunicare, che risponde ad un modo già sperimentato, ripetitivo, con uno standard preciso. Uno schema esemplare per chiarezza, funzionalità ed efficacia. Si tratta del documento che vide la luce nel 1964 che descrive cosa si deve intendere per buona Comunicazione pubblicitaria: “E’ quella che determina nel consumatore la preferenza per una particolare marca, che lo convince a provarla e a continuare ad usarla” Le fasi primarie sono :

Varo della Strategia di Marketing, spesso a cura del cliente:

Realizzazione della Copy Strategy a cura del Consulente o dell’Agenzia a cui ci si rivolge;

Creazione della Strategia della Comunicazione Visiva-

Quindi, per correre rischi, é necessario fissare questo punto. “La strategia di comunicazione definisce le scelte fondamentali e permanenti della comunicazione, le collega alle opzioni essenziali della strategia di marketing”. Diventa, in pratica, il canovaccio da eseguire, seguendo le decisioni più importanti che riguardano gli obiettivi ed i mezzi per realizzarli. In tal senso nella strategia di comunicazione dovranno essere definiti:

OBIETTIVI

TARGET GROUP

BUDGET

PERIODI DI EFFETTUAZIONE

Obiettivi: parola che tutti conoscono e che ognuno vorrebbe raggiungere al massimo e con il migliore consuntivo. In pratica sono “i risultati che debbono essere raggiunti con le azioni di comunicazione”. Individuano il ruolo della comunicazione nel marketing mix aziendale, cioè qual’ è il legame tra la strategia di marketing e quella di comunicazione e quale è il rapporto tra la pubblicità e gli altri strumenti come ad esempio le promozioni, il merchandising, le relazioni pubbliche, ecc.